cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 13 aprile 2015

Una storia primaverile: la farfalla e la lumachina




Finalmente è arrivata la Primavera e con essa il sole e le temperature più miti, che ci permettono di utilizzare il giardino come luogo privilegiato di osservazione e di studio sulla natura e sui cambiamenti climatici. Il racconto breve che vi proponiamo e che ha dato avvio ad una serie di attività didattiche multidisciplinari, nasce proprio come completamento dell'attività di osservazione condotta sulle lumachine e sulle farfalle che abbiamo avuto la fortuna di trovare nel nostro giardino. Alla lettura della storia nel cerchio magico si sono succedute attività di laboratorio espressivo, musicale e scientifico, oltre a quelle di tipo linguistico.

<< In un bel giorno di primavera, un'allegra farfallina svolazzava senza posa, da un fiore all'altro e, con le sue ali leggere, accarezzava piano piano i petali dei fiori. Una lumachina si era fermata per ammirarla e le disse:  - Deve essere bello volare liberamente così, senza portarsi alcun peso.-
E la farfalla : - Sì mi diverto moltissimo. Volare è meraviglioso, andare leggera da una parte all'altra è una sensazione meravigliosa.
La lumachina: - Vorrei poterlo fare anch'io. Ma non ho le ali e poi ho il peso della casa sempre addosso.
La farfalla scuotendo le ali:  - Non ti lamentare, non puoi volare come me, però tu hai sempre un rifugio comodo e sicuro per qualsiasi evenienza, io invece devo chiedere aiuto agli altri e non sempre va bene. Ognuno deve accontentarsi delle cose che possiede, senza desiderare troppo ed inutilmente quelle altrui. Perciò mia cara, a ciascuno il suo!>> (M.A. Fagiano " Giravolta di stagioni",)

Dopo la lettura del racconto facciamo seguire una conversazione guidata sulla farfalla e la sua appartenenza agli animali che volano e sulla lumachina. Soffermiamoci poi sull'insegnamento proposto dalla farfalla.
Per completare l'attività didattica dal punto di vista linguistico possiamo avvalerci delle seguenti schede didattiche

mercoledì 25 marzo 2015

Auguri pasquali....pennuti




   




Abbiamo realizzato questo simpatico bigliettino d'auguri per la Pasqua. Servono solo cartoncini colorati e forbici e colla stick. Vi consigliamo  di aiutare i più piccolini nel ritagliare le parti piccole e quelle frastagliate della gallina.
Ecco il procedimento e lo schema per realizzarlo. Buon lavoro!

sabato 14 marzo 2015

Un portafoglio per papà







Per il lavoretto di quest'anno abbiamo pensato ad un simpatico portafogli in cui mettere dei messaggi, disegni e la poesia per il papà. Per realizzarlo vi serve del cartoncino colorato, colla, forbici e pennarelli colorati. Seguite le istruzioni e presto fatto!! Buona festa del papà!!

mercoledì 11 marzo 2015

Festa del papà

Le origini della festa del papà

Nella tradizione popolare cristiana, San Giuseppe, sposo della Vergine Maria, è il santo protettore delle famiglie, dei poveri e dei falegnami.
Il 19 marzo, giorno della festa a lui dedicata, si ricorda la sacra coppia di giovani sposi, in un paese straniero e in attesa del loro Bambino, a cui fu rifiutato un riparo per il parto.
In riparazione a tale atto, che viola due sacri sentimenti: l'ospitalità e l'amore familiare, veniva allestito in molte regioni d'Italia un banchetto speciale. In alcuni paesi della Sicilia, il 19 marzo, si usava invitare i poveri al banchetto di san Giuseppe. In questa occasione, un sacerdote benediva la tavola, e i poveri erano serviti dal padrone di casa. In alcune città, il banchetto era allestito in chiesa, e, mentre due sacerdoti servivano i poveri, un terzo predicava per nove volte,cioè tante erano le pietanze distribuite.
La festa del 19 Marzo è anche associata ad usanze, tradizioni particolari, che si ritrovano un po' in tutte le regioni d'Italia: i falò e le zeppole.
La festa di San Giuseppe, infatti, che coincide con la fine dell'inverno, si è sovrapposta ai riti di purificazione agraria, effettuati nel passato pagano. Per questo motivo in alcuni paesi d'Italia ancora sopravvive la tradizione di bruciare enormi cataste di legno ai margini delle piazze.
Questi riti sono accompagnati dalla preparazione delle zeppole, le famose frittelle,che, pur variando nella ricetta da regione a regione, sono il piatto tipico della festa di S. Giuseppe.

Ecco una serie di proposte per la festa del papà.....
Filastrocche
Biglietti per il papà
Schede didattiche per la festa del papà
Un orsetto per papà
Cravatte spiritose
Un portafoglio per papà



Ultime Notizie

Loading...