cerca nel blog

lunedì 22 giugno 2015

La spiaggia delle forme


Eccoci alla tappa finale del percorso sulle forme. Durante questa unità didattica avvieremo con i bambini delle attività sugli insiemi oltre a consolidare le competenze acquisite. Riuniamoci nel cerchio magico e dopo aver ripreso brevemente la storia, leggiamone insieme la conclusione.

<< Finalmente arrivò il giorno della gara. I sindaci decisero di disputare una gara di velocità: chi per primo, scendendo di corsa dalla collina, avesse raggiunto la spiaggia avrebbe vinto. Allora i migliori atleti di ciascun paese si prepararono in cima alla loro collina, in attesa del via. Per l'occasione fu chiamato un giudice, il signor Senzaforma che, immobile sulla spiaggia, doveva
proclamare il vincitore. Il suono di una tromba diede il via alla gara. I Tuttotondo si lasciarono rotolare giù per la collina ma i Triangoli e i Quadrati non riuscirono a scendere con facilità: c'era chi si scontrò contro un albero, chi inciampò su dei sassi... I Tuttotondo già esultavano per la vittoria ma il giudice di gara ritenne giusto dare un'altra opportunità ai Triangoli ed ai Quadrati.
Così gli abitanti dei tre paesi cominciarono a litigare mentre i loro piccoli erano arrivati sulla spiaggia e avevano iniziato a giocare allegramente sulla sabbia, divertendosi un mondo. Le loro risate erano così forti da richiamare l'attenzione dei grandi, che capirono quanto fosse sciocco continuare a litigare per una spiaggia dove si poteva stare tutti insieme. Da quel giorno la spiaggia fu nominata "La spiaggia delle forme" e tutti, i Tuttotondo, i Triangoli e i Quadrati, quando volevano godere del mare e del venticello frescolino,si recavano lì senza più litigare. >>

Terminata la lettura lavoriamo con i blocchi logici per introdurre il concetto di insieme. Georg Cantor, il matematico tedesco padre della moderna teoria degli insiemi, li definisce così : "Con il nome di insieme intendiamo ogni raccolta, classe, aggregato, totalità M di oggetti determinati della nostra percezione o del nostro pensiero ben distinti tra loro, oggetti che chiamiamo elementi di M".
Prepariamo dei giochi che abitueranno i bambini a considerare gli attributi come criteri di raggruppamento di elementi di un insieme.
Quello che raccomandiamo è che la proprietà caratteristica che connota ogni raggruppamento risulti ben individuabile, che costituisca un vero e proprio criterio distintivo di appartenenza all'insieme. 

Cominceremo con proporre dei giochi con classificazioni per colore. Dividiamo i bambini in gruppi da 4 o 5 bambini e vi disponiamo delle forme ( 5 quadrati, 5 cerchi e 5 triangoli di colore rosso e blu) di cartoncino colorato che avremo preparato in precedenza. Facciamo raggruppare le forme per colore circondandole con un nastrino. Introdurremo il termine "insieme" per ogni gruppo creato.


Poi passeremo a classificare per forma con cartoncini tutti dello stesso colore, in modo da concentrare l'attenzione del bambino solo sulle forme.
Terminiamo poi l'attività proponendo ai bambini i cartoncini delle forme e due o tre elementi diversi come una matita, una penna ed una gomma da cancellare e facciamo creare loro l'insieme delle forme
Consolidiamo le attività pratiche con le schede didattiche, cominciando con le forme della nostra storia e terminando con gli insiemi.









Nessun commento:

Posta un commento