cerca nel blog

lunedì 20 ottobre 2014

Quarta tappa: Conosciamo il Leone


Prepariamo per i bambini la nostra scatola "magica" con dentro il personaggio in cartoncino del leone e la coccarda del coraggio. Riuniamoci nel cerchio magico e mostriamo loro la scatola e gli oggetti in essa contenuti: il Leone e la coccarda. Qui il link per il leone  e per la coccarda del Coraggio . Iniziamo una conversazione su cosa sarà successo a Dorothy e sull'identità di questo nuovo personaggio. Quindi leggiamo loro il brano sul Leone tratto dal libro di L.Frank Baum "Il mago di Oz" sintetizzato per adattarlo all'età dei bambini.
<< Dorothy e i suoi compagni avevano proseguito il cammino nel bosco. Il sentiero era lastricato di mattoni gialli ma era anche cosparso di rami secchi e di foglie cadute dagli alberi, per cui il camminare non era affatto facile.
 - Quanto ci vorrà ancora?- domandò la bambina all'omino di latta, - prima di uscire da questo bosco?
 - Non saprei dirtelo- rispose lui. Proprio mentre diceva così, risuonò dalla foresta un tremendo ruggito ed un attimo dopo un enorme leone, con un balzo, si portò sul loro sentiero. Con un colpo di zampa mandò lo Spaventapasseri a rotolare sul ciglio della strada e poi, coi suoi artigli aguzzi, cercò di colpire il Boscaiolo di Latta. Ma, con sua grande sorpresa, non riuscì a far presa sul metallo, benché l'omino cadesse sulla strada rimanendo immobile. Il piccolo Totò gli si avventò contro abbaiando e il re della foresta aveva ormai spalancato le fauci, quando Dorothy si precipitò avanti e colpì il Leone con uno schiaffo sul muso con tutta la forza di cui era capace.
- Prova a toccare il mio Totò, se ne hai il coraggio! Dovresti vergognarti, grande e grosso come sei, di cercare di mordere un povero cagnolino!!- esclamò sdegnata.
- Ma non l'ho morso!- protestò il Leone
- No, ma hai tentato di farlo- replicò la bimba. - Sei un codardo bell' e buono, ecco quello che sei !-
- Lo so- rispose il Leone chinando vergognoso il capo, -l'ho sempre saputo. Ma che ci posso fare?-
- Ma che cos'è che ti rende così vile?- domandò Dorothy
- E' un mistero. Credo di essere nato così. Tutte le altre bestie che vivono con me nella foresta si immaginano che io sia coraggioso, perchè dappertutto si crede che il leone sia in Re degli Animali.-
- Però questo non è giusto- osservò lo Spaventapasseri; il Re degli animali non dovrebbe essere così tanto vigliacco-
-Eh lo so...- sipose il Leone asciugandosi una lacrima con la punta della coda, - credete che Oz mi darebbe un po' di coraggio?-
- Allora, se non vi dispiace, vengo anch'io con voi!! Perché la vita mi è semplicemente insopportabile senza un briciolo di coraggio.-
- Sarai il benvenuto- rispose Dorothy - Così ci aiuterai a tenere a distanza le altre bestie feroci!-
Così, ancora una volta, la piccola comitive si mise in viaggio e il Leone prese a camminare maestoso al fianco di Dorothy.>>








Nessun commento:

Posta un commento