cerca nel blog

martedì 21 gennaio 2014

Piano/forte: il gioco del Re della pioggia

L'intensità del suono viene identificata dal bambino nel contrasto forte/piano, che nella sua dualità, ha a che fare con il modo in cui il corpo si relaziona con il mondo. Il bambino fin da piccolo è capace di distinguere il suono forte da quello piano: il primo lo associa allo spavento, il secondo alla fatica nel percepirlo. Ma,oltre a questo, egli arriva a comprendere che il suo corpo può suonare con differenti intensità. Così succede con gli strumenti. E' fondamentale, quindi, che l'alunno acquisisca sia sicurezza nel padroneggiare questi due poli opposti del suono e sia consapevolezza che il forte e il piano possano essere riprodotti anche con la propria voce e con il corpo. Al fine di conseguire questo obiettivo abbiamo proposto ai bambini il gioco del Re della pioggia e delle Goccioline.
Prepariamo un cartellone con la filastrocca e l'immagine del Re della Pioggia per introdurre il gioco e per attribuire all'insegnante il ruolo del conduttore del gioco stesso:
cartellone gioco delle Gocce
Realizziamo inoltre un cartellone su cui disegneremo delle gocce colorate. Dividiamo i bambini in gruppetti da circa 5-6 bambini l'uno e consegniamo loro un medaglione su cui avremo disegnato la goccia colorata e lo strumento che dovranno suonare, differente per ogni gruppo.I bambini suoneranno in base all'indicazione della goccia colorata da parte dell'insegnante con un pennarello. Quando il pennarello viene nascosto si smette di suonare. La pioggia comincia a cadere a gocce sporadiche fino a diventare acquazzone, per poi dissolversi pian piano.



Medaglioni con i simboli per il gioco
Possiamo poi proporre una lettura di una semplice partitura attraverso l'utilizzo della goccia grande per indicare il suono forte e la goccia piccola per quello piano, sempre in gruppi:

Abbiamo poi proposto ai bambini La famiglia delle gocce, facendo suonare tutti  ed introducendo il suono pianissimo e fortissimo: l'insegnate indica ai bambini quale goccia suonare sul cartellone facendo notare ai bambini la differenza dei suoni e delle grandezze delle gocce. Al termine dell'attività abbiamo colorato la scheda della famiglia delle gocce.

Nessun commento:

Posta un commento